Bologna sotterranea: riaprono i suggestivi Bagni di Mario

Completato il restauro, il gioiello dell’architettura idrica del ‘500 è finalmente accessibile al pubblico

 

bagni-mario-bologna-slide01

 

IN BREVE Cosa: Bagni di Mario riaperti al pubblico Quando: visite guidate su prenotazione Dove: Via Bagni di Mario 10, Bologna Costo: 15 euro Info: succedesoloabologna.it/conserva-di-valverde/

 

di Giuseppe Marino

 

“Bagni di Mario” è la denominazione con cui è generalmente conosciuta la Conserva di Valverde, suggestivo ed elegante capolavoro del ‘500, opera dell’architetto palermitano Tommaso Laureti. Quando l’opera fu scoperta nel XX secolo, infatti, si credette erroneamente che si trattasse di un centro termale di epoca romana, realizzato dal console Caio Mario. I Bagni di Mario, in realtà, furono realizzati nel 1563, affascinate esempio di architettura idrica rinascimentale. Nascono con lo scopo di raccogliere e decantare le acque dell'area di Valverde per alimentare la fontana del Nettuno, la ‘Fontana Vecchia’ (in via Ugo Bassi), e la vasca dei Cavalleggeri che era all’interno di Palazzo d’Accursio.

È di grande impatto la cisterna ottagonale (che si è vista di recente nel film Lepanto), sovrastata da un’ampia cupola dalla stessa forma, che esalta il mistero della Bologna sotterranea. È il piano superiore di una struttura a due livelli, che presenta anche un cunicolo che si segnala per la particolarità di un camino di aerazione completamente ricoperto da incrostazioni calcaree secolari. Sempre al livello superiore è presente una seconda piccola camera ottagonale, detta Cisternetta, dotata di un’ulteriore vasca di decantazione. Al livello inferiore procedevano tutte le acque provenienti dal livello superiore, all’interno di un cunicolo in mattoni che si snoda fino alle vicinanze della chiesa di Santa Maria dell’Annunziata, dove si univano le acque del condotto del Remondato.

I Bagni di Mario saranno gestiti per quattro anni dalle associazioni Succede solo a Bologna e Amici delle vie d'acqua e dei sotterranei di Bologna, sono aperti al pubblico per una visita di circa un’ora al costo di 15 euro, con partenza in Via Bagni di Mario 10. Le visite sono organizzate da diverse associazioni, ed è qui disponibile il calendario per effettuare le prenotazioni.

 

20 novembre 2017
 

Bologna Cult utilizza cookies, anche di terze parti. Cliccando sulla dicitura Agree, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information