Remake di Goldoni al Duse con Laura Morante

Una Mirandolina contemporanea e tormentata nel weekend del teatro di via Cartoleria



 Locandiera-bb-slide

IN BREVE Cosa: La Locandiera B&B Dove: via Cartoleria 42, Bologna

 

di Cristian Tracà

 

Dal 24 al 26 novembre, nella consueta disposizione oraria serale e pomeridiana del weekend, va in scena al Teatro Duse La locandiera B&B, rielaborazione del classico di Goldoni, riscritto da Edoardo Erba e messo in scena da Roberto Andò. La riscrittura è forte: il genere si sposta dalla commedia al noir, il gioco di seduzione rivoluzionario di Mirandolina diventa l'ambiguità di Mira, invischiata in un gioco d'azzardo più grande di lei.

Non è la prima volta, del resto, che le opere del commediografo veneziano del Settecento conoscono una rivisitazione che ne accentua i tratti perturbanti. Prima di Erba, c'è stato, ad esempio, l'esperimento drammaturgico di Fassbinder che ha riempito i vuoti de La bottega del caffé con il pieno relativismo deformante tipico del Novecento.

Nel testo di approdo troviamo un’antica villa che sta per essere trasformata in albergo, come avviene spesso per molti palazzi odierni trasformati in bed and breakfast. Mira si ritrova coinvolta in una strana cena organizzata dal marito con ambigui uomini d’affari. Il marito non si è presentato e tocca a lei gestire una serata di cui non capisce clima e finalità, i cui contorni disegnano però un Paese amorale, cinico e spietato.

La donna scopre, suo malgrado, degli scheletri nell'armadio nella vita del marito, entrando in un tunnel di cui fatica a trovare l'uscita. Protagonista è la bravissima Laura Morante, che sul palcoscenico si trova in balia di una storia in cui spariscono i punti di riferimento, labirintica. Da sola e irresistibilmente attratta da un avventore, Mira si appoggia a lui per affrontare una situazione al limite del lecito. Ma davvero è così ingenua e sprovveduta come ci ha lasciato credere all'inizio? Dove comincia la dissimulazione e dove finisce la strategia?

Lo spettacolo è coprodotto da Nuovo Teatro e dalla Fondazione Teatro della Toscana. Oltre alla Morante si trovano in scena Giulia Andò, Bruno Armando, Eugenia Costantini, Vincenzo Ferrera, Danilo Nigrelli e Roberto Salemi.
Nei giorni successivi, prima delle vacanze di Natale, il pubblico potrà anche assistere ad altri spettacoli come il concerto di Vinicio Capossela l'11 dicembre, Venere in pelliccia il 14 dicembre e Sabbie Mobili dal 29 al 31 dicembre.

23 novembre 2017
 

Bologna Cult utilizza cookies, anche di terze parti. Cliccando sulla dicitura Agree, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information