Dove abitano le parole, visita a casa Carducci

Dal 24 al 26 giugno in tutta la regione alla scoperta dei luoghi dov'è vissuta la poesia

Dove-vivono-le-parole list01

IN BREVE   Chi:  IBC – istituto per i beni culturali Cosa: Dove abitano le parole  Dove: piazza Carducci 5 – Bologna e altri luoghi  Quando: 24 giugno 2016
Costo: ingresso libero  Info: sito ibc emilia romagna

Sapevate che Giosuè Carducci ha vissuto a lungo a Bologna e che la sua casa è oggi un museo che custodisce la sua ricchissima biblioteca? E anche se la “nebbia a gl’i irti colli” non è quella che si addensa attorno a San Luca, il maestro della poesia italiana ha comunque legato una buona parte della sua carriera alla città di Bologna, dove si trasferì nel 1860 per ricevere una cattedra all’Università.

Si legge sul sito della sua casa-museo bolognese: “Luogo dell’anima e degli affetti più saldi – la famiglia, gli amici, i colleghi e la scuola prediletta – non stupirà allora che proprio alla città adottiva Carducci abbia legato il patrimonio di una vita: i libri amorosamente raccolti lungo l’arco dell’intera esistenza, insieme alle carte, all’archivio consultabili oggi, qui, nell’ultima dimora abitata a Bologna”.

Che la notizia vi colga impreparati o meno, di certo qualcosa in più da scoprire sul grande poeta italiano ce l’abbiamo tutti. Il 24 giugno, in occasione della rassegna regionale “Dove abitano le parole”, sarà possibile assistere (ore 18) ad una conversazione di Marco Veglia sugli anni bolognesi di Carducci, visitare nell’appartamento del poeta con alcune tavole realizzate da Gianluigi Toccafondo per il volume “Giosue’ Carducci. Un poeta a Bologna”, di proprietà della Fondazione Carisbo. Seguirà aperitivo.

E per chi ha voglia di spingersi un po’ oltre le mura cittadine, per tutto il weekend saranno 26 gli eventi su tutto il territorio regionale che coinvolgeranno altrettanti luoghi “delle parole” per altrettanti famosi poeti, da Ludovico Ariosto (Ferrara) a Giovanni Pascoli (San Mauro Pascoli – FC). Il programma completo è consultabile qui.

21 giugno 2016