Settembre al cinema: arrivano Mud e Frances Ha

mud-list01

E in Cineteca a Bologna Lynch, Leone, Robin Williams e molto altro

 

mud-list01

Cosa: Il miglior cinema settembrino
Dove: programmazione ordinaria e rassegne in Cineteca Cinema Lumière, via Azzo Gardino 65, Bologna  
Quando: settembre 2014

di Giuseppe Marino

 

Con la flemma tipica che la nostra distribuzione riserva ai titoli non visceralmente mainstream, arrivano anche nelle nostre sale due titoli da non perdere…

E in Cineteca a Bologna Lynch, Leone, Robin Williams e molto altro

 

frances-ha-slide01

 

IN BREVE Cosa: Il miglior cinema settembrino Dove: programmazione ordinaria e rassegne in Cineteca Cinema Lumière, via Azzo Gardino 65, Bologna Quando: settembre 2014

 

di Giuseppe Marino

 

Con la flemma tipica che la nostra distribuzione riserva ai titoli non visceralmente mainstream, arrivano anche nelle nostre sale due titoli da non perdere: Mud di Jeff Nichols e Frances Ha di Noah Baumbach, entrambi del 2012.

Mud è il terzo lungometraggio di Nichols, che segue l’arsura di Shotgun Stories e l’angosciosa paura di Take Shelter. Protagonista Matthew McConaughey, che in questi ultimi due anni fra cinema, Oscar e serie tv di culto è diventato un nome fra i più ambiti. Mud è un uomo in fuga, accampato in una barca in cima a un albero, su un’isolotto perso nel Mississippi. A trovare la barca, e poi il suo inquilino, sono due ragazzini, pronti ad ascoltare la sua storia e a intrecciarla con le proprie. Nel film troviamo il racconto di formazione fra Stand by Me e Mark Twain, amori strazianti dall’anima blues, polverose descrizioni sulle tracce di Peckinpah, scontri a fuoco sovradimensionati. Nichols è uno dei giovani autori più interessanti sulla piazza, Mud non ha segnato la sua consacrazione (Take Shelter rimane il suo titolo più riuscito), ma di certo è sufficiente a tenere viva l’attenzione. Il film è in sala dal 28 agosto.

Frances Ha è un delicato, divertente, riuscitissimo piccolo film Noah Baumbach, già regista de Il Calamaro e la Balena e Margot at the Wedding, nonché sceneggiatore di Le avventure acquatiche di Steve Zissou e Fantastic Mr. Fox. La vita nella New York in bianco e nero dell’adorabile loser Frances, una perfetta Greta Gerwig, scorre sullo schermo fra lievi paradossi e relazioni difficili, fra tempi vuoti rinchiusi dentro appartamenti impersonali e viaggi che si dimostrano presto dei falsi movimenti. Con ironia e istintivo anticonformismo Frances ci mostra, finalmente, che ci si può rompere le palle in un viaggio a Parigi, che è più facile sentirsi estranei che al proprio posto, che la poesia può sì essere ovunque, ma può anche mancare nei posti dove sarebbe più ovvio trovarla. In sala da giovedì 11 settembre.

Molto da (ri)vedere offrono anche le rassegne della Cineteca al cinema Lumiére. Per l’omaggio a Robin Williams: Good Morning Vietnam (sab 6 17.30), L’attimo Fuggente (sab 6 20.00), La Leggenda del Re Pescatore (sab 6 22.30). Lauren Bacall, con Bogart, è invece nel capolavoro di Hawks Il Grande Sonno sabato 13 alle 17.45 e domenica 14 alle 18.15.

la trilogia del dollaro di Sergio Leone, incrollabile punto fermo del western decadente, è riproposta integralmente. Per un Pugno di Dollari dall’1 al 5 settembre; Per qualche Dollaro in Più l’8, 9 e 12 settembre; Il Buono, il Brutto e il Cattivo il 14, 16 e 23 settembre. Ancora per Il Cinema Ritrovato al Cinema, il 28, 29, e 30 settembre sarà in sala I 400 Colpi di Truffaut.

Generosa retrospettiva anche per David Lynch, che torna in sala il 25 settembre con Strade Perdute (17.15), The Elephant Man (19.45), il nuovo Duran Duran Unstaged (22.15). Venerdì 26 Cuore Selvaggio (18.00) e Inland Empire, suo ultimo lungometraggio “di fiction” (20.45). Il 27 settembre la maratona si chiude con Velluto Blu (18.00), l’esordio Eraserhead (20.45) e l’amatissimo Mulholland Drive (22.00).

I tioli della rassegna Venezia Classici E I Restauri Della Cineteca: Macbeth di Polanski (ven 5 e dom 7), L’Udienza di Ferreri (mer 17 e gio 18), Todo Modo di Petri (dom 21 e mer 24).

Cinema del Presente ha in programmazione il prezioso The Congress di Ari Folman, Solo gli Amanti Sopravvivono di Jarmusch (entrambi sabato 13) e Synecdoche, New York, protagonista Philip Seymour Hoffman. Una segnalazione anche per Schermi e Lavagne, che sabato 20 settembre alle 16.00 propone Principessa Mononoke, uno dei lavori più affascinanti e completi di Hayao Miyazaki. 

5 settembre 2014