A lezione di ecomafie con Lucarelli e il Parto

parto-delle-nuvole-pesanti list01

Italia a Perdere. Storie di ecomafie. Con un inedito del Parto delle Nuvole Pesanti

 

parto-delle-nuvole-pesanti list01Chi: Carlo Lucarelli e Il Parto delle Nuvole Pesanti
Cosa: Italia a perdere. Storie di ecomafie
Quando: venerdì 23 marzo 2012, h. 18:00
Dove: La Scuderia, piazza Verdi, 2
Costo: gratis
Info: 051 6569619

Immaginate la voce di Carlo Lucarelli, dirvi: dove finiscono i nostri rifiuti? Nelle discariche, vorremmo sperare. Discariche sempre più nuove ed ecologiche, pronte al riciclo, virtuose, a basso impatto. Certo. Ma poi sarà il traffico, sarà la fretta, la distrazione o qualcos’altro. Ogni tanto un camion di rifiuti sbaglia strada e il suo carico finisce in mare …

Italia a Perdere. Storie di ecomafie. Con un inedito del Parto delle Nuvole Pesanti

parto-delle-nuvole-pesanti slide01

IN BREVE Chi: Carlo Lucarelli e Il Parto delle Nuvole Pesanti Cosa: Italia a perdere. Storie di ecomafie Quando: 23 marzo 2012, h. 18 Dove: La Scuderia, p.zza Verdi, 2 Costo: gratis Info: 051 6569619

di Simone Arminio

Immaginate la voce di Carlo Lucarelli, dirvi: dove finiscono i nostri rifiuti? Nelle discariche, vorremmo sperare. Discariche sempre più nuove ed ecologiche, pronte al riciclo, virtuose, a basso impatto. Certo. Ma poi sarà il traffico, sarà la fretta, la distrazione o qualcos’altro. Ogni tanto un camion di rifiuti sbaglia strada e il suo carico finisce in mare, sepolto sul relitto di una nave oppure sottoterra, nelle campagne brulle dei paradisi del Sud, del Nord, a un passo da quei campi che poi ci danno i nostri cibi. Qualcuno si arricchisce con le distrazioni, ovvio. Gente senza scrupoli che, però, non è aliena né calata dall’alto. I tecnici le chiamano ecomafie, perché chi crede ancora che mafia voglia dire un prepotente con la coppola e la lupara sbaglia di brutto. I mafiosi di oggi sono colletti bianchi e hanno scoperto che la monnezza è un business davvero senza fondo: c’è gente che paga per smaltire illecitamente e un sacco di tappeti dove nascondere la polvere. 

Saperne di più è possibile e doveroso e sarà questo il tema del dibattito che si terrà questa sera, venerdì 23 marzo, alle 18, alle Scuderie di piazza Verdi. “Italia a perdere“, questo il suo titolo, è organizzato da Libera e Legambiente e vedrà la partecipazione dello scrittore Carlo Lucarelli, di Enrico Fontana, responsabile dell’Osservatorio Nazionale Ambiente e Legalità di Legambiente, del sostituto procuratore di Firenze (e già di Reggio Calabria) Giuseppe Bianco e di Marco Mescolini del Dda di Bologna. A fornire la colonna sonora sarà invece Il Parto delle Nuvole Pesanti, che porterà in dote ai presenti un piatto ghiotto: un brano inedito tratto dal prossimo album, attualmente in fase di registrazione. Il motivo di questo anticipo è proprio il tema del brano in questione, che si intitolà “La nave dei veleni” e prende spunto dagli omonimi fatti di cronaca. Mica male il piatto proposto: un incontro dal tema importante e urgente come le ecomafie, la presenza di un maestro della narrazione, anche di temi come questo, come Carlo Lucarelli e la conclusione con l’inedito musicale di un disco che uscirà soltanto in autunno.

Post Scriptum

A chi invece volesse vedere un concerto completo del Parto segnaliamo un buon diversivo domenicale: una gita fuori porta a Ozzano nell’Emilia, dove domenica 25 alle 16 la band calabro-bolognese di “Onda Calabra” chiuderà la Festa della Primavera “Lom a Marz” prevista già a partire dalle 12 in via Tolara di Sopra, 78.

Per approfondire, infine, il rapporto tra il Parto delle Nuvole Pesanti e le tematiche ambientali, suggeriamo una chicca del passato: “Attenzione all’estinzione“, brano contenuto in uno speciale e omonimo Ep del 2002 tutto dedicato all’ambiente, realizzato per le Ambientiadi di Legambiente, e poi inserito nell’album “Il Parto” (2004, Storie di note). Eccolo qui.

23 marzo 2012