Gli Einstürzende Neubauten portano Lament a Bologna

einsturzende-lament-list01

Il gruppo di Blixa al Teatro Manzoni con un’opera ispirata alla Grande Guerra

 

einsturzende-lament-list01Cosa: Einstürzende Neubauten Lament tour 
Quando: venerdì 28 novembre 2014, ore 21.30
Dove: Teatro Auditorium Manzoni, via De’ Monari 1/2, Bologna
Costo: da 20 a 40 euro + prevendita

 

di Giuseppe Marino

 

È Bologna la prima tappa italiana di Lament, il nuovo opera – album degli Einstürzende Neubauten, punto di riferimento dell’elettronica sperimentale, industrial e noise. 

Il gruppo di Blixa al Teatro Manzoni con un’opera ispirata alla Grande Guerra

 

einsturzende-lament-slide01

 

IN BREVE Cosa: Einstürzende Neubauten Lament tour  Quando: venerdì 28 novembre 2014, ore 21.30 Dove: Teatro Auditorium Manzoni, via De’ Monari 1/2, Bologna Costo: da 20 a 40 euro + prevendita

 

di Giuseppe Marino

 

È Bologna la prima tappa italiana di Lament, il nuovo opera – album degli Einstürzende Neubauten, punto di riferimento dell’elettronica sperimentale, industrial e noise. Il gruppo berlinese svelerà il nuovo lavoro il 7 novembre, per presentarlo il giorno dopo a Diksmuide, in Belgio, mentre a Bologna saranno al Teatro Auditorium Manzoni venerdì 28 novembre, nei giorni successivi a Torino e a Roma.

Lament è un’opera complessa, stratificata, pensata in primo luogo per l’esecuzione live, ispirata alla prima guerra mondiale e nata all’interno delle iniziative per i 100 anni dallo scoppio della stessa. La band di Blixa Bargeld (ex colonna dei Bad Seeds che abbiamo recentemente incontrato in compagnia di Teho Teardo), compone in Lament inediti, cover, rielabora vecchi pezzi, innesta materiale di origine non musicale. Oltre agli strumenti non convenzionali, clangori di “oggetti ritrovati”, rientrano nell’opera registrazioni audio risalenti al periodo 1914-16, estratti dagli archivi sonori della Humboldt University di Berlino e dell’Archivio Tedesco della Radiodiffusione. Un’altra fonte sonora viene dalla musica degli Harlem Hellfighters, i soldati afro-americani del 369° reggimento di fanteria che la U.S. Army preferì destinare al comando francese. A supportare l’esperimento sonoro, e naturalmente l’inconfondibile vocalità di Blixa, anche un ensemble di archi, per un’esperienza con i “nuovi edifici che crollano” che si preannuncia davvero unica.

Ecco la tracklist dell’album, per altre informazioni rimandiamo alla ricchezza del sito neubauten.org 

Kriegsmaschinerie | Hymnen | The Willy – Nicky Telegrams | In De Loopgraaf | Der 1. Weltkrieg (Percussion Version) | On Patrol In No Man’s Land | Achterland | Lament: 1. Lament | Lament: 2. Abwärstsspirale | Lament: 3. Pater Peccavi | How Did I Die? | Sag Mir Wo Die Blumen Sind | Der Beginn des Weltkrieges 1914 (Dargestellt Unter Zuhilfenahme eines Tierstimmenimitators) | All Of No Man’s Land Is Ours

16 ottobre 2014