Black Power e Girl Power insieme: Dudu Manhenga

dudu-manhenga-list01-creditphoto-who-man

Al Bravo Cafè, la nuova regina della musica africana, con i Color Blu
 

dudu-manhenga-list01-creditphoto-who-man

Chi: Dudu Manhenga e Color Blu
Cosa: 
concerto
Quando: 13 aprile, ore 22:45
Dove: Bravo Cafè
Costo: per info: 3335973097
Info: 051266112
(Credit Photo: © Wo-Ma’n )

C’è qualcosa nella bellezza di Dudu Manhenga che ricorda tanto Nina Simone. Young, Gifted and Black cantava Nina. Se si aggiungesse anche “woman” si avrebbe un’idea di cosa è importante per questa splendida cantante. Impegnata sin da giovanissima nella difesa dei diritti della donna…

Al Bravo Cafè, la nuova regina della musica africana, con i Color Blu

dudu-manhenga-slide01-creditphoto-who-man

Chi: Dudu Manhenga e Color Blu Cosa: concerto Quando: 13 aprile, ore 22:45 Dove: Bravo Cafè Costo: per info: 3335973097 Info: 051266112 Credit Photo: © Wo-Ma’n 

di Andrea Marino

C’è qualcosa nella bellezza di Dudu Manhenga che ricorda tanto Nina Simone. Young, Gifted and Black cantava Nina. Se si aggiungesse anche “woman” si avrebbe un’idea di cosa è dudu-manhenga-v01 © Wo-Ma'nimportante per questa splendida cantante. Impegnata sin da giovanissima nella difesa dei diritti della donna, membro attivissimo del’AWIPAZ (Association for Women in Performing Arts in Zimbabwe) e del FLAME (Female Literary Arts Music Enterprise), la Manhenga non può evitare di fare della sua musica il canto liberatorio del popolo africano e del genere femminile.

Il 13 aprile Dudu tornerà in Italia, a Bologna, al Bravo Cafè, dopo il suo debutto sul territorio l’anno scorso, in compagnia della band i Color Blu. La sua formazione – in cui figura anche il marito, Blessing Muparutsa, alla batteria – la accompagna con precisione e ritmo nei suoi viaggi, prima in lungo e in largo in Zimbawe e in Africa, dove è già stranota e apprezzata, e poi in giro per il mondo. I Color Blu così la seguono anche nei suoi detour musicali, mettendo al suo servizio la sapienza di note afro, jazz, musica tradizionale dello Zimbawe, facendo anche qualche puntatina sul reggae.

Sguardo fiero e profondo, impegno civile e musica autenticamente africana potrebbero riassumere la cifra stilistica di questa artista. Ma rimarrebbero ancora fuori il magnetismo della sua presenza, l’affiatamento con il gruppo, i magnifici copricapo e la grande esperienza già maturata. Ancora qualcosa rimane fuori. Per tentare di supplire vi proponiamo un video registrato il 20 luglio scorso, quando si è esibita insieme a Max De Aloe, noto jazzista italiano, a Montevarchi.

3 aprile 2012