Timber Timbre, dal Canada con maliconia

TimberTimbre-Lucia-Graca-list01

Al Bolognetti Rocks la band guidata da Taylor Kirk

TimberTimbre-Lucia-Graca-list01

Cosa: Timber Timbre in concerto al Bolognetti Rocks
Quando: giovedì 10 luglio alle 21:30
Dove: Vicolo Bolognetti

di Andrea Marino

Questi Timber Timbre sono una delle cose migliori che potete trovare a Bologna quest’estate. Sconosciuti ai più, offrono un folk che definire semplicemente “indie” sarebbe un po’ riduttivo, oltre che poco trasparente..

Al Bolognetti Rocks la band guidata da Taylor Kirk

timber-timbre-slide01

 

IN BREVE  Cosa: Timber Timbre in concerto al Bolognetti Rocks Quando: giovedì 10 luglio alle 21:30 Dove: Vicolo Bolognetti

 

di Andrea Marino

 

Questi Timber Timbre sono una delle cose migliori che potete trovare a Bologna quest’estate. Sconosciuti ai più, offrono un folk che definire semplicemente “indie” sarebbe un po’ riduttivo, oltre che poco trasparente. Giovedì 10 luglio, ore 21:30, al Vicolo Bolognetti, ingresso a offerta libera, potrete saggiare autonomamente.

Per strano che possa essere, parlare di “indie” farebbe pensare alla moda (indie) del momento, non connotando la parola altro che l’indipendenza del musicista. Ironia della sorte, più si è indipendenti più si è parte del filone indie, con i suoi tratti piuttosto riconoscibili, a dispetto dell’indipendenza.

E invece i Timber Timbre hanno un suono piuttosto personale: il terzetto canadese composto da Taylor Kirk, Simon Trottier e Mika Posen, ormai al quinto album di studio (il terzo con l’etichetta Arts & Crafts), ha consolidato la propria maturità stilistica con il recente Hot Dreams.

Il blues è un elemento portante delle atmosfere di questo gruppo che ha nella voce di Taylor Kirk uno dei suoi maggiori punti di forza. Un timbro che ricorda Edwyn Collins, per profondità e capacità di essere al tempo stesso dolce e tristissimo. Senza voler andare a scomodare Il Re.

Ma non c’è solo la voce di Taylor Kirk in questo disco. Oltre la sua malinconia e oltre l’armamentario classico del blues e del folk, ci sono anche détour fatti di sassofoni, citazioni ai classici della canzone americana e oscurità di vario genere. Il risultato è di una ricchezza coinvolgente.

30 giugno 2014