Cosa fai a Capodanno? In Piazza Maggiore a Bologna la risposta viene Dallalto, con Carl Barat dei Libertines

capodanno-bologna-15-16-list01

Il DJ set di Machweo apre la serata, mente il Vecchione di quest’anno è firmato da Cristian Chironi 

 

capodanno-bologna-15-16-list01

Cosa: il capodanno di Bologna in Piazza Maggiore
Quando: 31 dicembre 2015 dalle 22.30
In foto, Carl Barât

di Giuseppe Marino

A rispondere alla fatidica domanda “Ma tu cosa fai a Capodanno?” questa volta è Carl Barât, frontman insieme a Pete Doherty dei Libertines, band inglese fra le più chiacchierate…

Il DJ set di Machweo apre la serata, mente il Vecchione di quest’anno è firmato da Cristian Chironi

 

capodanno-bologna-15-16-slide01

 

IN BREVE Cosa: il capodanno di Bologna in Piazza Maggiore Quando: 31 dicembre 2015 dalle 22.30

 

di Giuseppe Marino

 

 

A rispondere alla fatidica domanda “Ma tu cosa fai a Capodanno?” questa volta è Carl Barât, frontman insieme a Pete Doherty dei Libertines, band inglese fra le più chiacchierate degli ultimi anni. Carl Barât si esibirà, com’è uso, nel DJ set Dallalto del balcone di Palazzo del Podestà. Up the Bracket, album del 2002 esordio dei Libertines è considerato un capolavoro degli anni 2000. Dopo lo scioglimento della band, Barât dà vita ai Dirty Pretty Things, pubblicando nel 2006 Waterloo to Anywhere, che integra influenze punk e reggae. Nel 2010 Barât pubblica il suo primo e omonimo album da solista, accolto positivamente da pubblico e critica.

Ad aprire la serata, alle 22.30, sarà Machweo, progetto musicale di Giorgio Spedicato, artista proveniente da Carpi e ormai di base a Bologna. Il suo DJ set accompagnerà il pubblico a ridosso dello scoccare del nuovo anno. È in uscita il suo nuovo album Musica Da Festa, e nella sua serrata attività live ha aperto concerti di artisti come Shigeto, Plaid e Slow Magic, e condiviso il palco con Be Forest, Drink To Me, Godblesscomputers e molti altri.

Mezzanotte è l’ora del Vecchione, quest’anno realizzato da Cristian Chironi, artista di origini nuoresi individuato in collaborazione col MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna. Formatosi presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna, Chironi è attivo in Europa nella realizzazione di opere site-specific di carattere performativo e installativo, cercando sempre l’interazione con il contesto umano e ambientale. In questo periodo sta lavorando a Marsiglia al progetto My house is a Le Corbusier, partito a Bologna nel gennaio 2015 in occasione di ART CITY, che ha al centro le abitazioni progettate dal padre dell’architettura moderna. Come da tradizione il Vecchione, ovvero l’installazione simbolo dell’anno passato, verrà dato catarticamente alle fiamme, proiettandoci verso un 2016 certamente denso d’inusitata bellezza. Appuntamento, dunque, in Piazza Maggiore.

26 novembre 2015