Gusto Nudo, con i vignaioli eretici al festival del vino liberato

7 location per oltre 40 eventi dedicati al vino biologico, biodinamico e naturale

Gusto-nudo 2017 phCarlotta-Piccinini post01

IN BREVE  Chi: vignaioli bio e naturali  Cosa: Gusto Nudo  Dove: 7 location in giro per Bologna  Quando: 24 aprile – 1 maggio 2017  Costo: vario Info: http://gustonudofestival.com/ Ph credits: Carlotta Piccinini

Torna a Bologna dal 24 aprile al 1 maggio “Gusto Nudo”, l’appuntamento con i vignaioli eretici. La manifestazione, nata nel 2007 per riunire per un weekend le aziende di vino naturale, biologico e biodinamico di tutta Italia, da quest’anno si ingrandisce e diventa un festival, con 8 giorni di eventi per promuovere una nuova cultura della terra attraverso diverse iniziative.

La decima edizione, dedicata al compianto giornalista radiofonico Piero Santi, si svilupperà in città attorno a 7 location: Dynamo che sarà il cuore centrale, l’Orto Botanico, il Cassero Lgbt Center, Le serre dei giardini, il Cinema Lumiere l’XM24 e naturalmente l’ex Ospedale dei Bastardini che ospiterà domenica 30 aprile e lunedì 1 maggio oltre 60 vignaioli bio e naturali provenienti da tutta la penisola (ingresso 15 euro compreso calice di vino). Insieme a queste anche 11 locali che in città proporranno degustazioni e serate a tema. Fra gli oltre 40 eventi in programma, quasi tutti gratuiti, ne abbiamo individuati alcuni per accontentare tutt*.

1) per i biker: se la bicicletta è la vostra passione l’appuntamento imperdibile è quello di domenica 30 aprile da Dynamo (via Indipendenza 71/z) con l’escursione in bici (circa 50 km) fra i colli bolognesi grazie alla collaborazione con SalvaCiclisti. Partenza alle 9.30 e poi via a pedalare alla scoperta delle colline bolognesi fino all’ Azienda Agricola Maria Bortolotti di Zola Predosa dove sarà possibile degustare i vini prodotti. Iscrizione, pranzo al ristorante Terra cotta di Zola e tessera associativa a 20 euro (per prenotarsi prenotazioni@gustonudofestival.com)

2) per i modaioli: una delle location del festival sarà il Cassero Lgbt Center che organizza per la serata inaugurale del 24 aprile il party “Sorry we’re Open. Sorry we’re naked” (ingresso solo per questa serata di 5 euro). Una serata all’insegna del R&b, funky, soul. Il 26 aprile dalle 19.00 spazio ai birrifici con la possibilità di assaggiare le nuove birre prodotte da Ca Del Brando e vini scelti da Gusto Nudo.

3) per i foodies: se la vostra passione è la cucina e gli ingredienti non comuni segnatevi in agenda il laboratorio alla scoperta delle erbe alimurgiche (cioè quelle piante erbacee spontanee commestibili) che si terrà all’Orto Botanico (Via Irnerio 42) venerdì 28 aprile dalle 14.30. Lezione, passeggiata sui colli per riconoscerle insieme a Tiziana Fabiani e cena tematica da Vetro al costo di 25 euro. Inoltre alla gelateria Stefino per tutta la durata della rassegna potrete assaggiare il gelato “gustonudo” ricavato dallo zibibbo. Una chicca da veri gourmad!

4) per gli instagrammer: quest’anno Gusto Nudo avrà anche un contest fotografico! Ogni giorno sarà possibile partecipare pubblicando sul proprio profilo instagram una foto del festival sotto l’hashtag #gustonudocontest. Ogni giorno verrà selezionato un vincitore/vincitrice a cui verrà donato un ingresso gratuito alla fiera. E visto che fra i locali più instrammabili della città secondo Finedinninglover.it c’è anche Alce Nero Berberè si potrà approfittare dell’evento di lunedì 24 aprile, quando dalle 18.30 alle 21.00 a 10 euro sarà possibile assaggiare pizza fritta a volontà e calice di vino bianco frizzante, naturalmente, “eretico”.

5) per gli amanti del mood hygge: se siete alla ricerca del contatto con la natura non potete perdervi l’installazione all’orto botanico Boom Boom project: una foresta interattiva in cui gli alberi (in olandese, “boom”) risuonano quando vengono abbracciati (dal 24 al 29 aprile, eccetto il 25 aprile).

6) per gli amanti dell’arte: sabato 29 aprile dalle 16.30 Fabrizio Lollini, docente di Storia dell’arte medievale, accompagnerà il pubblico in una a passeggiata artistico conviviale alla ricerca delle rappresentazioni artistiche del paesaggio agrario e delle pratiche di produzione agroalimentari in città. Si toccherà l’Oratorio di Santa Cecilia, le Collezioni comunali d’arte, il Canton de’ fiori e si concluderà da RoManzo (all’interno del Mercato di mezzo) per un brindisi finale (acculturati e contenti!).

7) per chi ha il pollice verde (o almeno ci prova): Non poteva mancare nell’ambito del festival un’occasione di scambio e baratto di semi, talee, piantine, conoscenze e desideri. Per chi ama l’orto o il giardino e non si accontenta degli ibridi l’appuntamento è all’Orto botanico venerdì 29 aprile dalle 10.30 alle 16.30. E per chi vuole scoprire i segreti della produzione vinicola locale sempre il 29 alle 12.00 appuntamento alla vigna di Fienile Fluò (via di Paderno 9) con degustazione di vini locali e l’immancabile brunch del sabato, il tutto a 35 euro.

8) per chi tiene famiglia: e se ho dei bambini/e? Gusto Nudo quest’anno ha pensato anche a loro. Spazio Bradipo curerà 4 laboratori tematici (sulle erbe il 26 aprile all’Orto botanico; sulle identità il 27 aprile al Cassero; sulla bicicletta il 28 aprile da Dynamo; sull’orto il 29 aprile alle Serre) e un servizio di baby parking alla Fiera dei vignaioli eretici (30 aprile e 1 maggio). Voi potete sbevazzare (consapevolmente) mentre i vostri nani si divertono!

I vignaioli eretici invadono la città, siete pront*?

21 aprile 2017