‘Esperimenti con zombi, vampiri e altri mostri’: ventuno racconti horror per altrettanti esperimenti scientifici

Un libro scritto a otto mani per raccontare la scienza ai più piccoli, ma non solo

esperimenti-list01

IN BREVE Cosa: Esperimenti con zombi, vampiri e altri mostri, libro edito da Editoriale Scienza, 2014 Autori: Claudio Bianchi, Annalisa Bugini, Lorenzo Monaco e Matteo Pompili Costo: 14,90 €

Claudio Bianchi, Annalisa Bugini, Lorenzo Monaco e Matteo Pompili. Quattro nomi incrociati più volte nell’arco del 2014. Prima all’ultima Fiera del libro per ragazzi, poi visti direttamente in azione durante le giornate de La scienza in piazza, festa della scienza e della cultura scientifica che si è svolta tra fine marzo e inizi aprile, sempre a Bologna.

Sono quattro scienziati che fanno capo a Bologna dove hanno fondato l’associazione tecnoscienza.it, ma sopra ogni cosa sono quattro entusiasti, che vogliono comunicare la scienza al pubblico dei ragazzi in modo creativo, che amano raccontarne ogni branca in tutti i modi possibili, quindi “attraverso mostre, laboratori, conferenze-gioco”, e libri.

A quest’ultima categoria appartiene Esperimenti con zombi, vampiri e altri mostri edito proprio quest’anno da Editoriale scienza. Scritto da quattro a otto mani (essendo un libro di mostri, è cosa logica), con il supporto grafico di Federico Mariani, ottimo illustratore oltre che fantasioso toy designer, il libro raccoglie ventuno esperimenti scientifici virati in chiave horror-ma-non-troppo anzi, decisamente “non troppo”. Perché l’accento del libro ideato dai quattro autori-scienziati è puntato essenzialmente sugli esperimenti, ma partendo dai mostri che la mitologia e la letteratura hanno creato nel corso della storia dell’umanità.

E dunque il licantropo, la creatura del dottor Frankenstein, ma anche l’idra oppure l’arpia e anche le figure dello zombie, del drago e del vampiro ci sono, eccome. Però vengono utilizzati per raccontare di genetica, di matematica, di chimica, di fisica e di biologia. Ne diventano la chiave di accesso, poi amplificata dagli esperimenti. Ventuno mostri per ventuno esperimenti, dunque. Alcuni anche assolutamente curiosi, altri di una fattibilità quasi elementare, tanto per far comprendere a tutti, veramente a tutti, come la scienza stia dietro a tanti misteri, che di misterioso hanno in realtà ben poco. Che la scienza riesca a spiegare la fantasia forse non è quanto i piccoli lettori vogliono.

Però, a sfogliare le pagine di Esperimenti con zombi, vampiri e altri mostri si scopre che gli zombi esistono. Non sono proprio quelli che ci fanno vedere al cinema o che si possono incontrare in alcuni racconti, ma esistono. Si scopre infatti che nelle foreste della Thailandia vive un fungo parassita, capace di infilarsi nel corpo delle formiche tropicali mentre respirano e così arrivare gradualmente al loro cervello, privandole della volontà. Il fungo insomma le trasforma in tanti zombi, che indirizza dove gli fa comodo e che alla fine uccide proliferando. Cos’è rimasto dello zombi che tutti conosciamo? Ma, il contagio! Esatto. In molte storie horror è dal contagio che salta fuori il non morto. Ed ecco che i quattro scienziati spiegano come tutti noi possiamo essere contagiati ogni giorno… da virus e batteri e come possiamo diffondere il “morbo” attraverso un semplice esperimento.

Alla fine – per quanto il libro sia indirizzato ai ragazzini dagli otto anni in su – Bianchi, Bugini, Monaco e Pompili creano pagine godibilissime dirette a un pubblico più vasto. Pagine che stimolano ad allargare i propri orizzonti scientifici, a vedere la scienza non come qualcosa di oscuro bensì di relativamente comune. Qualcosa che vive attorno a noi, che spiega quanto attorno a noi accade, cancellando un po’ della paura verso il mondo che tutti abbiamo.

20 giugno 2014